Piano Scuola 4.0

PNRR Piano Scuola 4.0

PNRR, al via il “Piano Scuola 4.0” per la trasformazione digitale della scuola attraverso la creazione di classi innovative e laboratori per le professioni digitali del futuro.

Il piano prevede uno stanziamento di 2,1 miliardi di euro per trasformare 100.000 classi tradizionali in ambienti innovativi di apprendimento e creare laboratori per le professioni digitali del futuro nei quali si possa attuare una didattica fondata sul Learning by doing.

Le attuali tempistiche di attuazione del piano, prevedono un completamento dei progetti per dicembre 2025.

Il Piano Scuola 4.0 si compone di due azioni, vediamole nel dettaglio.

Azione 1: Next generation classroom

L’azione prevede la progettazione di classi come ambienti innovativi di apprendimento, inclusivi e flessibili, che integrano tecnologie e pedagogie innovative.

La pianificazione delle aule dovrà essere valutata anche in base al sistema che la scuola intende adottare: sistema basato su aule “fisse” assegnate a ciascuna classe per l’intera durata dell’anno scolastico, sistema basato su ambienti di apprendimento dedicati per disciplina, facendo ruotare le classi durante la giornata, oppure un sistema ibrido che comprende entrambe le soluzioni.

Le scuole del primo e del secondo ciclo potranno trasformare almeno la metà delle aule attuali, decidendo in autonomia la disposizione e l’articolazione del progetto, attraverso:

  • arredi modulari e flessibili per consentire rapide riconfigurazioni
  • connessione in modalità cablata e/o wireless
  • schermi digitali
  • dispositivi per la possibile fruizione a distanza di tutte le attività
  • dispositivi per la promozione di scrittura e lettura
  • dispositivi per la fruizione di contenuti attraverso la realtà virtuale e aumentata e per esperienze immersive
  • dispositivi per lo studio delle STEM, per la creatività digitale, per l’apprendimento del pensiero computazionale, dell’intelligenza artificiale e della robotica
  • integrazione tra aula fisica e ambiente/piattaforma virtuale, per incoraggiare nuove dimensioni di apprendimento ibrido
  • accesso al catalogo digitale, raccolta di risorse digitali di base, software e contenuti disciplinari o interdisciplinari, disponibili anche sul cloud
Azione 2: Next generation labs

L’azione prevede la realizzazione di laboratori per le professioni digitali del futuro in tutte le scuole secondarie di secondo grado.

L’obiettivo è quello di ampliare l’offerta formativa, fornendo agli studenti competenze digitali specifiche orientate al lavoro e trasversali ai diversi settori economici anche attraverso all’osservazione diretta, lavori in gruppo e per fasi con approccio work based learning e project based learning e attraverso l’ideazione, pianificazione e realizzazione di prodotti e servizi.

In base alla tipologia di scuola i laboratori potranno essere dedicati ad ambiti tecnologici e settori economici.

Ambiti tecnologici:

  • robotica e automazione
  • intelligenza artificiale
  • cloud computing
  • cybersicurezza
  • internet delle cose (Iot)
  • making, modellazione e stampa 3D/4D
  • creazione di servizi e prodotti digitali
  • creazione e fruizione di servizi in realtà virtuale e aumentata
  • comunicazione digitale
  • elaborazione, analisi e studio dei big data
  • economia digitale, e-commerce e blockchain

Ambiti economici:

  • agroalimentare
  • automotive
  • ICT
  • costruzioni
  • energia
  • servizi finanziari
  • manifattura
  • chimica e biotecnologie
  • trasporti e logistica
  • transizione verde
  • pubblica amministrazione
  • salute
  • servizi professionali
  • turismo e cultura
Tempi e scadenze

Il Piano Scuola 4.0 prevede che ciascuna istituzione scolastica adotti il documento “Strategia Scuola 4.0”, sulla base di un format comune reso disponibile dall’Unità di missione del PNRR.

Le scuole dovranno indicare il programma che seguiranno per tutto il periodo di attuazione del PNRR (a.s. 2025/2026) per quanto riguarda:

  • la trasformazione degli spazi fisici e virtuali di apprendimento
  • le dotazioni digitali
  • le innovazioni della didattica
  • i traguardi di competenza in coerenza con il quadro di riferimento DigComp 2.2
  • l’aggiornamento del curricolo e del piano dell’offerta formativa
  • gli obiettivi e le azioni di educazione civica digitale
  • la definizione dei ruoli guida interni alla scuola per la gestione della transizione digitale
  • le misure di accompagnamento dei docenti e la formazione del personale.
Ripartizione delle risorse e gestione

Attraverso un piano di ripartizione nazionale dei fondi, sono state assegnate risorse in base al numero di classi di ogni scuola.
Clicca sul pulsante per scoprire i fondi a disposizione del tuo istituto:

Tutte le istituzioni scolastiche beneficiarie saranno invitate a produrre, sul sistema informativo di gestione dei progetti del PNRR, il progetto degli interventi oggetto di finanziamento, sulla base dei criteri e delle modalità indicate dal Ministero dell’istruzione in coerenza con il Piano “Scuola 4.0”.

Scadenza Descrizione Azione
Dicembre 2022Sottoscrizione dell’atto d’obbligo per la realizzazione delle attività per il rispetto di tutte le condizionalità previste dal PNRR, indicazione del Codice Unico di Progetto (CUP), assunzione in bilancio del finanziamento, progettazione esecutiva degli ambienti e dei laboratori
Marzo
2023
Adozione della Strategia Scuola 4.0
Giugno
2023
Individuazione tramite apposite procedure selettive dei soggetti affidatari delle forniture e dei servizi, nel rispetto delle norme nazionali ed europee in materia di appalti
Giugno
2024
Realizzazione degli ambienti innovativi di apprendimento e dei laboratori per le professioni digitali del futuro e collaudo delle relative attrezzature e dispositivi
a.s.
2024-2025
Entrata in funzione e utilizzo didattico dei nuovi ambienti e dei laboratori
Rendicontazione delle spese e monitoraggio

La rendicontazione delle spese da parte delle istituzioni scolastiche beneficiarie avviene sulla base dei costi reali effettivamente sostenuti.

Le istituzioni scolastiche dovranno caricare sul sistema informativo del PNRR del Ministero dell’istruzione tutta la documentazione relativa alle procedure: fatture elettroniche, documenti giustificativi di spesa, contratti con i fornitori, dichiarazioni e verifiche ecc.

Le modalità di erogazione delle risorse alla scuola soggetto attuatore sono in anticipazione e a rimborso sulla base di stati di avanzamento.

La realizzazione delle Next Generation Classroom e dei Next Generation Labs sarà oggetto di uno specifico monitoraggio periodico semestrale sullo stato di avanzamento delle attività, pertanto le scuole attuatrici dovranno caricare le informazioni relative allo stato di avanzamento della progettazione e della realizzazione di ciascun ambiente di apprendimento innovativo trasformato e dei laboratori per le professioni digitali (solo per il secondo ciclo).

Contattaci per maggiori informazioni o per parlare con un nostro esperto nella gestione di fondi e finanziamenti statali:



    Ho letto ed accetto l'informativa sulla privacy